Twitter blocca, o meglio rallenta lo sviluppo delle applicazioni di terze parti, client della propria idea di social network ed annuncia il tutto per l’avvento delle API 1.1.

Tralasciando le altre modifiche, che passano in secondo piano alla vista di una tale entità di scelta, ecco che Twitter annuncia ufficialmente di aver “bloccato” il numero massimo di utenti di un’applicazione di terze parti a 100.000 utenti, sommati al 200% di questi.

Infatti, a partire da oggi, i Client di terze parti, o meglio i gruppi di sviluppatori che ne sostengono il mantenimento, non potranno più accettare nuovi utenti se, il loro applicativo, avesse già passato la soglia dei 100.000 utenti più il 200%, scelta dettata da twitter a causa delle numerosissime richiesta API che arrivavano da App differenti dalla proprietaria, la quale ci si aspetterebbe fosse la migliore sul campo e che ora verrà messa sotto luce di critica in attesa di nuovi aggiornamenti che verranno presto richiesti in quantità esponenziale.

Tutti gli utenti in eccesso a tale cifra andranno perciò inseriti nell’uso dell’applicativo  SOLAMENTE sotto autorizzazione di Twitter stessa, un punto certamente a sfavore del social network di micro blogging che potrebbe vedersi scappare qualche utente a beneficio di altre piattaforme appena nate come http://new.heello.com/

A seguito trovate l’intero changelog,  tradotto da google in italiano ( lasciando passare alcuni concetti), che riporta i cambiamenti più importanti della versione 1.1 delle API di Twitter.

Nelle prossime settimane ci rilascerà la versione 1.1 delle API di Twitter. Per aiutarvi a pianificare il futuro, stiamo annunciando questi cambiamenti ora, prima che la nuova versione delle API è disponibile. Le modifiche comprendono:

  • autenticazione richiesta su ogni endpoint API
  • un nuovo endpoint per-rate-limiting metodologia
  • modifiche al nostro regolamento Developer di strada, specialmente in giro per le applicazioni client Twitter che sono tradizionali.

Autenticazione richiesta

Attualmente, nella versione 1.0 delle API di Twitter che permettono agli sviluppatori l’accesso agli endpoint API senza la necessità di alcune loro applicazioni per l’autenticazione, in sostanza, permettendo loro di accedere alle informazioni pubbliche dalla API Twitter senza di noi sapere chi sono. Per esempio, ci sono molte applicazioni che stanno tirando i dati dalla API Twitter a tassi molto elevati (scraping, bot, ecc), dove abbiamo solo conoscere l’indirizzo IP delle applicazioni. Per prevenire abusi delle API Twitter e di ottenere una comprensione di quali tipi di applicazioni sono l’accesso alla API al fine di evolvere per soddisfare le esigenze degli sviluppatori, è importante avere una visibilità in attività sul API Twitter e le applicazioni utilizzando il piattaforma.

Nella versione 1.1, ci impone ad ogni richiesta per l’API per l’autenticazione . Per gli sviluppatori che stanno già usando OAuth quando vengono fatte richieste API, tutti i token di autenticazione transizione senza soluzione di continuità dalla v1.0 alla versione 1.1. Se l’applicazione sta attualmente utilizzando l’API di Twitter senza l’utilizzo di OAuth, sarà necessario aggiornare l’applicazione prima del marzo 2013. Ci sono ulteriori informazioni sui tempi del passaggio dalla v1.0 alla versione 1.1 di seguito.

Per-endpoint rate limiting

In questo momento, nella versione 1.0 delle API di Twitter che limitare il numero di richieste autenticate applicazioni possono rendere a 350 chiamate all’ora, indipendentemente dal tipo di informazioni che l’applicazione è stata richiesta. Questo “one size fits all” approccio ha limitato la nostra capacità di fornire agli sviluppatori un maggiore accesso agli endpoint che sono spesso richieste dalle applicazioni, pur continuando a prevenire l’abuso delle risorse di Twitter.

Nella versione 1.1, ci fornirà per ogni endpoint limitazione della velocità sulle API . Mentre un’applicazione che accede a un solo punto finale può essere più limitato, le applicazioni che utilizzano più endpoint si incorrere in problemi di limitazione della velocità meno frequentemente.

La maggior parte dei singoli endpoint API sarà limitato tasso a 60 chiamate all’ora per ogni endpoint. Sulla base di analisi di uso corrente della nostra API, questo limite tasso sarà ben al di sopra le esigenze della maggior parte delle applicazioni costruite contro l’API di Twitter, proteggendo nel contempo i nostri sistemi dalle applicazioni abusive.

Ci sarà una serie di volumi elevati gli endpoint relativi alla visualizzazione Tweet, profilo di visualizzazione, ricerca utente e ricerca degli utenti in cui le applicazioni saranno in grado di effettuare fino a 720 chiamate all’ora per ogni endpoint.

La documentazione completa del tasso di limitatore finale verrà rilasciata con API v1.1.

Modifiche alle regole sviluppatori della Strada

Oltre alle modifiche funzionali di cui sopra, saremo apportare modifiche alle nostre regole sviluppatori della strada quando si rilascia API v1.1. Le modifiche comprendono:

Linee guida di visualizzazione sarà Requisiti di visualizzazione

Per garantire che gli utenti di Twitter hanno un’esperienza coerente ovunque essi vedere e interagire con i tweet, in v1.1 di API Twitter ci sposteremo a fornire linee guida di visualizzazione per la visualizzazione di richieste, che introdurrà anche per le applicazioni mobili. Avremo bisogno di tutte le applicazioni che visualizzano i Tweets di aderire a questi. Tra questi: il collegamento username @ per il profilo appropriato Twitter, mostrando le azioni appropriate (ad esempio Tweet Retweet, risposta e preferito) e il display in scala di Tweets in modo appropriato in base al dispositivo. Se la vostra applicazione visualizza Tweets per gli utenti, e non aderire alle nostre esigenze espositive, ci riserviamo il diritto di revocare la vostra chiave di applicazione.

Che richiedono pre-installate applicazioni client per essere certificato da Twitter

Con v1.1 avremo bisogno sviluppatori che creano applicazioni client che sono pre-installati sui telefoni cellulari, schede SIM, chipset o altri dispositivi di elettronica di consumo per avere la loro applicazione certificata da Twitter. A causa del tempi lunghi necessari ad aggiornare applicazioni pre-installate client una volta che sono “in the wild”, si vuole fare in modo che lo sviluppatore sta fornendo la migliore esperienza possibile Twitter – prima che le navi di applicazione. Se spedite una domanda pre-installato senza che venga certificato da Twitter, ci riserviamo il diritto di revocare la vostra chiave di applicazione.

Richiedere agli sviluppatori di lavorare direttamente con noi se avete bisogno di una grande quantità di gettoni utente

Una delle cose principali che abbiamo imparato nel corso degli ultimi anni è che quando gli sviluppatori cominciano a chiedere un volume sempre più alto di chiamate API, siamo in grado di guidarli verso le aree di valore per gli utenti e le loro imprese. A tal fine, e simile ad alcune altre aziende, avremo bisogno di lavorare direttamente con noi, se credete che la vostra applicazione sarà bisogno di più di un milione di token dei singoli utenti.

Inoltre, se si sta creando un’applicazione client Twitter che sta accedendo nella timeline casa, impostazioni dell’account o diretti endpoint API messaggi (tipicamente utilizzato dalle applicazioni client tradizionali) o si utilizza il nostro User Streams prodotto, avrete bisogno del nostro permesso, se la vostra applicazione richiede oltre 100.000 token singolo utente.

Non saremo chiudendo le applicazioni client che utilizzano tali endpoint e sono attualmente oltre tali limiti token. Se l’applicazione è già più di 100.000 token singolo utente, sarai in grado di mantenere e aggiungere nuovi utenti alla vostra applicazione fino a raggiungere il 200% del numero corrente token dell’utente (ad oggi) – purché si conformi con la nostra Regole della strada. Una volta raggiunto il 200% del conteggio corrente token dell’utente, sarete in grado di mantenere l’applicazione per servire i vostri utenti, ma non sarà in grado di aggiungere altri utenti senza il nostro permesso.

Infine, ci possono essere anche ulteriori modifiche al Regolamento del Codice della Strada per riflettere i cambiamenti funzionali nella versione 1.1 delle API di Twitter che abbiamo qui esposti.

API v1.1 periodo di migrazione

Quando si rilascia la versione 1.1 delle API verrà contemporaneamente annunciare la disapprovazione della v1.0. Dal giorno del rilascio, gli sviluppatori avranno sei mesi per migrare le applicazioni da v1.0 a v1.1. Per gli sviluppatori che stanno già facendo le chiamate alle API autenticati, questa migrazione sarà relativamente facile, e deve coinvolgere l’aggiornamento del endpoint API, e testare il comportamento dell’applicazione rispetto al tasso che limiterà le politiche. Per gli sviluppatori le cui applicazioni sono l’accesso alla API senza autenticazione, sarà necessario aggiornare le applicazioni da utilizzare OAuth .

Oggi Twitter ecosistema

Oggi su Twitter vediamo una grande varietà e profondo di sviluppatori individuali e società di creazione di applicazioni utilizzando i dati e contenuti da API Twitter. In parole povere, abbiamo secchio queste applicazioni in base al loro target di riferimento (cioè dai consumatori o imprese) e le loro caratteristiche principali (vale a dire, che consentono agli utenti di interagire con i tweet, o si usano Tweets per scopi di analisi dei dati).

Con le nostre linee guida nuova API, stiamo cercando di incoraggiare l’attività nei quadranti in alto a sinistra, in basso a sinistra e in basso a destra, e limitare i casi d’uso alcuni che occupano il quadrante superiore destro.

quadranti di sviluppo dell'ecosistema

Mi spiego.

Sul lato sinistro della griglia sono applicazioni destinate alle imprese.

  • Nel quadrante in basso a sinistra, abbiamo visto l’innovazione enorme in applicazioni e servizi che servono il mercato business con prodotti di analisi in base al contenuto Twitter. Ad esempio, Crimson Hexagoncostruisce relazioni attuabili per le marche, aziende e campagne mediatiche politiche basate sulla conversazione su Twitter; Topsyha costruito un dashboard real-time analytics per aiutare finanza, governo, news e marchi reagire a notizie e DataMinr fornisce analisi per l’industria della finanza.
  • Nel quadrante superiore sinistro sono fornitori di strumenti che aiutano le aziende a impegnarsi con Twitter compresi i fornitori di CRM sociali come SprinklrHootSuiteRadian6acquisita da salesforce.comE), le aziende l’integrazione come Rilevanza Mass, Che aggrega e Tweets filtri per la visualizzazione su TV.

Sul lato destro della griglia sono applicazioni mirate ai consumatori.

  • Nel quadrante inferiore destro sono servizi che utilizzano Twitter i contenuti per la classifica influenza sociale, come Klout.
  • Nell’angolo in alto a destra quadrante sono servizi che consentono agli utenti di interagire con i tweet, come il servizio curation Tweet Storifyo il sito Tweet scoperta Favstar.fm
    Questo quadrante superiore destro comprende anche, ovviamente, “tradizionali” client Twitter comeTweetbotEchofon. Quasi diciotto mesi fa, abbiamo dato indicazioni agli sviluppatori che non dovrebbero creare applicazioni client che imitano o riprodurre il mainstream esperienza del consumatore Twitter client. “E per ribadire ciò che ho scritto nel mio ultimo post, che la guida continua ad applicarsi oggi.

Guardando al futuro

Al di là di API v1.1, non vediamo l’ora di creare nuovi modi per gli sviluppatori non solo di creare applicazioni utilizzando i dati e contenuti da Twitter, ma per costruire anche interattive Cards Twitter.

Da quando abbiamo annunciato Carte di Twitter nel mese di giugno per twitter.com (e in luglioper Twitter per iPhone e Twitter per Android), abbiamo visto la risposta tremenda, più di 400 sviluppatori ed editori partecipano al programma, la distribuzione di contenuti attraverso Tweets espansi. E nel corso dei trimestri successivi ci introdurrà nuovi modi per gli sviluppatori per costruire esperienze di contenuti e applicazioni in Twitter, attraverso schede Twitter. Infine, sono al lavoro su una nuova serie di funzionalità per Twitter per i siti web , per consentire agli sviluppatori web per incorporare con facilità contenuti in tempo reale su Twitter sui propri siti.

Speriamo che tutte queste informazioni vi dà più chiarezza intorno dove stiamo andando con API v1.1. Non vediamo l’ora di condividere maggiori notizie su ulteriori funzionalità della piattaforma e il nuovo in un futuro molto prossimo.

 [via]

Contazrazor.