Whatsapp presto diventerà su abbonamento anche per la piattaforma iOS, previsto dunque un pagamento di 0.89€ all’anno, cosi come l’attuale costo dell’applicazione che assicura un’utilizzo a vita.

Veniamo a noi, la cosa mi pare giustissima da parte di chi gestisce il servizio (Personalmente pagherei anche 5 euro per un’anno senza fare una piega), in quanto già da tempo gli utenti Android devono sottostare a questo pagamento annuale, con possibilità di “offerte” sui 3 o 5 anni.

Il fatto è che su internet si legge di moltissime persone, il lamento verso questi 89 centesimi, un caffè al bar?

Due conti: se si usa whatsapp significa che si parla tanto, pensiamo di inviare in un anno 8000 messaggio ( personalmente sono a circa 18 000 dopo 10 mesi ) significherebbe circa un decimo di millesimo di euro cada uno… a fronte dei dieci centesimi richiesti per un SMS di un qualunque operatore non mi pare qualcosa di ecclatante;

Il mio vuole essere solo un’appello a pensare se il lavoro che c’è dietro un servizio come quello di Whatsapp, il migliore ed il più conosciuto-esteso al mondo, per voi vale almeno quel decimo di millesimo di euro che spendete per ogni messaggio inviato. Anche perchè, sacrificare un caffè su 365 in un anno, non mi pare, numericamente, come pagare 10 euro al mese ( vedi offerte dei vari operatori per mandare montagne di SMS ), per la cronaca 119 caff+ in più che sacrificare una moneta per Whatsapp.

Tornando alla cronaca, sembrerebbe che saranno esenti dal dover pagare l’abbonamento, gli utenti che già possiedono whatsapp, quindi il consiglio è: se volete bervi quel caffè, installate  preventivamente whatsapp prima che la notizia sia comunicata ufficialmente.

Contazrazor.

Annunci